E’ stato emanato nella giornata di ieri 8 Agosto l’atteso Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate in relazione alla disciplina della cessione del credito d’imposta maturato per gli interventi di riqualificazione energetica , sismabonus, recupero e restauro delle facciate, installazione di
impianti fotovoltaici e colonnine per ricarica dei veicoli elettrici.

Emanata anche l’importante Circolare nr. 24 – 2020 attraverso la quale sono stati forniti gli indirizzi fondamentali per la corretta fruizione del super bonus del 110%.

Alcuni aspetti salienti da evidenziare relativi alla detrazione del 110% per l’efficientamento energetico

  • Soggetti beneficiari:

condomini, persone fisiche al di fuori dell’attività di impresa o di lavoro autonomo, Istituti Autonomi delle case popolari, cooperative di abitazione a proprietà indivisa, Onlus ed Associazioni Sportive Dilettantistiche;

  • Ambito oggettivo :

parti comuni di edifici residenziali  condominiali (interventi sia trainanti che trainati) ;
edifici residenziali unifamiliari e relative pertinenze (trainanti e trainati);
unità immobiliari residenziali funzionalmente indipendenti
e  con uno o più accessi autonomi dall’esterno site all’interno
di edifici plurifamiliari e relative pertinenze (trainanti e trainati);
singole unità immobiliari residenziali e relative pertinenze all’interno
di edifici in condominio (solo interventi trainati)

Non possono fruire del beneficio della detrazione gli interventi sugli immobili classificati in A1 , A8 e A9.


La circolare al paragrafo 2 fornisce la definizione di edificio unifamiliare, definizione che tanti dubbi aveva creato dall’emanazione del D.L. 34 – 2020:

“Per edificio unifamiliare si intende un’unica unità immobiliare di proprietà esclusiva, funzionalmente indipendente, che disponga di uno o più accessi autonomi dall’esterno e destinato all’abitazione di un singolo nucleo familiare”.

  • Interventi trainanti:

isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate che interessano l’involucro degli edifici, compresi quelli unifamiliari, con un’incidenza superiore al 25 per cento della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo o dell’unità immobiliare funzionalmente indipendente e che disponga di uno o più accessi autonomi dall’esterno, sita all’interno di edifici plurifamiliari;
sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria sulle parti comuni degli edifici,  o con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari funzionalmente indipendenti e che dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno site all’interno di edifici plurifamiliari;
antisismici e di riduzione del rischio sismico di cui ai commi da 1-bis a 1-septies dell’articolo 16 del decreto-legge n. 63 del 2013 (cd. sismabonus).

  • Comunicazione cessione credito:

La Comunicazione è inviata esclusivamente in via telematica all’Agenzia delle Entrate a decorrere dal 15 ottobre 2020. La Comunicazione deve essere inviata entro il 16 marzo dell’anno successivo a quello in cui sono state sostenute le spese che danno diritto alla detrazione

 Qualora il contribuente intenda cedere rate residue della detrazione non fruite nei periodo d’imposta   2020 e 2021 , la comunicazione di cessione del credito dovrà essere effettuata entro il 16 marzo dell’anno in cui deve essere presentata la dichiarazione  in cui avrebbe dovuto essere indicata la prima rata ceduta  e non utilizzata .

  • Target di spesa:

Isolamento termico

50.000 euro per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari funzionalmente indipendenti site all’interno di edifici plurifamiliari ;

40.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono  l’edificio, se lo stesso è composto da due a otto unità immobiliari;

30.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che
              compongono l’edificio, se lo stesso è composto da più di otto unità .

la detrazione nella misura del 110 per cento si applica se l’intervento di isolamento termico   coinvolge il 25 per cento della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo.

Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni    degli edifici in condominio

 euro 20.000 moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti  fino a otto unità immobiliari;

 euro 15.000 moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da più di otto unità immobiliari.