1) Stabilisci un prezzo realistico: i primi quindici giorni sono i più importanti per riuscire a vendere il proprio immobile. Per questa ragione è importante stabilire fin da subito il prezzo giusto!

2) Affidati ad un esperto: la strategia migliore per fissare il prezzo giusto di partenza è quella di far valutare la casa da un professionista. In un mercato in calo, il prezzo si stabilisce in “anticipo” tenendo conto delle prospettive del mercato nei successivi sei mesi

3) Seleziona bene l’agente immobiliare. Prima di scegliere l’agente immobiliare a cui affidare la vendita della propria casa, è importante valutare il suo portafoglio immobili, parlare con i suoi clienti e capire quante case ha venduto nell’ultimo anno.

4) Presenta la casa nel modo migliore. Occorre presentare l’immobile nel modo più gradevole possibile: pulita, ordinata e che gli eventuali difetti siano attenuati. Bisogna puntare su qualsiasi elemento della casa le dia quel qualcosa in più. Che sia un bel giardino, l’accesso a internet, un orto domestico o semplicemente l’essere ubicato in una buona zona, tutto è importante.

5) Non aprire le porte ai curiosi e ai perditempo
Non distinguere acquirenti dai visitatori significa rischiare di aprire le porte a curiosi non motivati all’acquisto, a chi è interessato a vedere cosa c’è “in giro “ ma non a fare un’offerta e a persone delle quali non si conosce la disponibilità finanziarie né la capacità di accedere ad un mutuo. Visitatori o acquirenti non prequalificati sono persone che entrano nella vostra casa e non si possono permettere l’acquisto del vostro immobile. Sono dei perditempo. Anche in questo caso un Agente immobiliare professionista saprà prequalificare nel modo giusto i potenziali acquirenti

6) Fornisci tutta la documentazione. L’atto di provenienza dell’immobile, la presenza di un eventuale mutuo, la visura ipotecaria, la planimetria e la dichiarazione di conformità, certificazioni degli impianti, attestato di prestazione energetica. Tutto deve essere messo a disposizione dell’Agente immobiliare a cui avrete deciso di affidare l’incarico,in maniera che abbia tempo di analizzarli per scongiurare brutte sorprese.

7) Valuta bene le offerte. Anche in questo caso il consiglio di un mediatore può essere importante per capire le intenzioni del potenziale acquirente

8)Non trascurare gli aspetti legali
I contratti immobiliari sono documenti giuridicamente vincolanti, spesso anche poco comprensibili dai non addetti ai lavori. Non essere a conoscenza dei termini di un contratto, non rilevare difformità, anomalie, vizi legali, vincoli potrebbero costare molto caro.

Annunci